'Finanziamenti Agevolati'

Prestiti Personali per Matrimonio

Una panoramica su quello che il principale tipo di finanziamento legato ai matrimoni.

  • Le spese legate al matrimonio

Il matrimonio è un evento della vita molto importante e per festeggiarlo nel migliore dei modi spesso non badiamo a spese. Ogni coppia si regola in base al budget disponibile, dopo aver stilato una lista delle spese essenziali.

Matrimoni di lusso e matrimoni in economia prevedono una serie di voci di spesa tra cui difficilmente mancheranno quelle relative alle partecipazioni e agli inviti alle nozze, agli abiti da cerimonia, alle decorazioni e agli addobbi dei locali in cui celebrare il rito e il banchetto, al menù del pranzo o della cena.

Molto richiesti dai futuri coniugi per rendere indimenticabile il giorno della loro unione sono il servizio fotografico con il fotografo di matrimonio più noto della città, le bomboniere da regalare agli invitati, e il viaggio di nozze.

La spesa maggiore da affrontare è ovviamente quella relativa all’acquisto della casa, sempre che non sia possibile ai futuri sposi optare per una coabitazione con la famiglia d’origine, con i genitori di lui o di lei o per un’abitazione da prendere in affitto.

Valutare un prestito personale per matrimonio

Una volta determinato l’ammontare della spesa necessaria la coppia deciderà se farvi fronte con il budget preventivato, se eliminare alcune spese, o se chiedere uno o più prestiti personali finalizzati al matrimonio. Sarà utile inoltre per decidere ponderatamente conoscere la differenza che esiste tra mutuo e prestito personale, tra spese per acquisto di immobili e spese per acquisto di beni e di servizi, com’è ad esempio il servizio fotografico, nel quale la coppia acquisterà le foto relative alla cerimonia di nozze insieme alle prestazioni del fotografo di matrimonio.

Rivolgendosi alle Banche, direttamente o tramite internet,  i futuri coniugi avranno a disposizione tutte le informazioni necessarie per chiedere il mutuo o il prestito personale idoneo alle loro esigenze. In rete esistono Agenzie private specializzate nell’erogazione di prestiti personali, di informazioni e di servizi che mettono a confronto varie tipologie di elargizioni in denaro.

Le Banche erogano il prestito personale al richiedente che dimostri di potervi far fronte, pagando regolarmente le rate previste per il tempo concordato dal contratto. In mancanza di una entrata certa come la retribuzione per lavoro continuativo, le istituzioni erogatrici chiedono la fideiussione di una terza persona, a garanzia delle future istanze di pagamento.

Oggigiorno gli stessi fornitori della festa di nozze, ristoratori, fotografi, fiorai, ecc, grazie alle convenzioni con gli Istituti Bancari, sono in grado di vendere ai propri clienti i propri beni e servizi consentendo il pagamento rateale a fronte di un finanziamento personale, un autentico prestito personale, personalizzato e personalizzabile, finalizzato al matrimonio.

No Commenti

Scegliere i giusti finanziamenti a Milano

Milano è una delle città italiane che si sta riprendendo più velocemente dalla crisi, questo grazie soprattutto ai molteplici servizi finanziari che vengono erogati a tassi e condizioni agevolate dagli istituti di credito ivi presenti.

Praticamente tutti i cittadini possono usufruire di un prestito e risulta molto semplice trovare il servizio che si adatti perfettamente alle proprie esigenze, richiedendo un preventivo nelle società di credito che si occupano di finanziamenti Milano.

finanziamento rapido online

Attraverso le società di mediazione creditizia è molto più facile e veloce richiedere un qualsiasi tipo di finanziamento, poiché esse adottano dei criteri per l’erogazione del credito decisamente meno rigidi rispetto a quelli delle banche e concedono prestiti a dipendenti del settore privato e del pubblico impiego, pensionati, casalinghe, extracomunitari ed in molti casi anche a coloro che non hanno un reddito fisso o sono stati segnalati nel registro dei cattivi pagatori.

Uno dei servizi più richiesti è sicuramente la cessione del quinto, poiché è un tipo di finanziamento per la cui erogazione non servono molte pratiche burocratiche, ma occorre comunque sottoscrivere un assicurazione che salvaguardi gli interessi dell’istituto di credito da un mancato risarcimento del debito.  Per richiedere questo tipo prestito si possono valutare anche le tante offerte delle società online che si occupano della cessione del quinto Milano.

La cessione è un servizio che viene concesso ad un tasso di interesse fisso e può  avere una durata che va da un tempo minimo di 2 mesi, ad un massimo di 120 mesi e il prestito viene restituito dal soggetto richiedente mediante  una trattenuta netta al 20% del suo emolumento mensile.

Insieme alla cessione del quinto il prestito personale è un’altra forma di finanziamento che è molto richiesta, soprattutto dai piccoli imprenditori che vogliono aprirsi una propria attività, oppure da chi ha assolutamente bisogno di denaro contante nell’immediato.  Il prestito di tipo personale si suddivide in:

  • Piccolo prestito;
  • Cessione diretta;
  • Cessione diretta garantita

Per accedere a questo tipo di servizio finanziario i piccoli imprenditori o i privati cittadini possono consultare gli istituti di credito per trovare la più conveniente formula di prestito personale a Milano. Il privato cittadino che vuole risparmiare, qualora fosse un lavoratore dipendente con un regolare contratto lavorativo o un pensionato che usufruisca di una pensione superiore a quella sociale, potrà richiedere la cessione del quinto dello stipendio o la cessione del quinto della pensione. In tal caso i tassi di interesse sono sempre più bassi del classico prestito personale e pertanto risultano essere più convenienti.

No Commenti

Come ottenere finanziamenti per l’imprenditoria femminile

Ottenere prestiti, finanziamenti per l’imprenditoria femminile è un obiettivo per molte donne, animate dal sogno di affrontare le sfide del mondo aprendo un’attività propria. Un traguardo di difficile realizzazione, specialmente nelle fasi di avvio, visto che per usufruire dei prestiti per l’imprenditoria femminile è indispensabile possedere determinati requisiti, rispettare delle scadenze precise.

finanziamento-imprenditoria-femminile

Finanziamenti per l’imprenditoria femminile – Istruzioni per l’uso

La legge 215/92 che disciplina questo tipo di finanziamenti prevede due differenti tipologie di contribuiti:

  • Prestiti in conto capitale

Finanziamenti erogati per l’avvio di attività imprenditoriali, rilevamento di aree aziendali con contratti di fitto di minimo 5 anni, acquisto di imprese già esistenti, realizzazione di progetti di impresa innovativi.

  • Finanziamenti destinati all’acquisto di servizi reali

Si tratta di contribuiti erogati per incrementare la produttività dell’impresa e il suo sviluppo organizzativo delle fasi di gestione, produzione e commercializzazione di business innovativi.

Importi richiedibili

Le somme finanziate vanno dai 60.000 ai 400.000 euro. I suddetti importi comprendono spese riguardanti macchinari, software, attrezzature, impianti, costi di progettazioni, brevetti e così via.

Chi riesce a beneficiare del prestito otterrà metà somma tramite contributo in conto capitale e la restante parte mediante un finanziamento con tasso agevolato dello 0,50% avente durata massima di 10 anni. In più, a partire dalla data di conseguimento dello stesso, si è tenuti a realizzare un proposito di investimenti analitico nel giro di 2 anni.

Spese ammissibili e non

Cosa includere e cosa tralasciare per l’ottenimento delle suddette agevolazioni?

Spese ammissibili

 

Chi avvia una nuova attività, acquisisce un’impresa già esistente o realizza progetti innovativi, si vedrà accettare spese per:

  • Impianti generali;
  • Macchinari, attrezzature;
  • Opere murarie;
  • Acquisto brevetti;
  • Studi di fattibilità;
  • Piani di impresa.

 

Chi acquisisce servizi reali invece, si vedrà accettate le spese per l’acquisto di servizi erogati da:

  • Aziende e società presenti nel registro delle imprese;
  • Professionisti iscritti ai relativi albi professionali;
  • Enti pubblici e privati aventi personalità giuridica.

 

Spese non ammissibili

Fra le spese non ammissibili, segnaliamo:

  • Costi di manutenzione ordinaria;
  • Acquisto di utensili di comune utilizzo;
  • Acquisto di prodotti come cellulari, veicoli, Pc, etc;
  • Acquisto di fabbricati e terreni;
  • Materiali di consumo e semilavorati;

 

No Commenti

Finanziamenti a fondo perduto

I finanziamenti a fondo perduto sono delle risorse offerte alle imprese di nuova e vecchia costituzione che permettono l’avviazione e lo sviluppo delle attività.

Sono finanziamenti comunitari, statali e regionali, strutturati per poter conseguire programmi di sviluppo delle imprese, e ottenibili in conto capitale, a fondo perduto quindi o in conto interessi, per la realizzazione di investimenti e per supportare economicamente le fasi dello start up aziendale.

Le spese ammissibili alle agevolazioni, non possono che riferirsi ai beni materiali ed immateriali coerenti con l’investimento proposto e riguardanti

  • la necessità di reperire consulenze esterne (progettazione tecnica, elaborazioni studi di fattibilità, piani di marketing, ecc..),
  • certificazione di qualità,
  • acquisto di terreni e opifici,
  • realizzazione di opifici,
  • acquisto di impianti e macchinari,
  • corsi di formazione.

Per richiedere la partecipazione ai bandi, si deve predisporre un business plan composto

  • da una parte descrittiva in cui si presenti la propria idea di business, le strategie, e le politiche operative
  • da una parte dettagliata in cui si illustrano i principali requisiti di fattibilità economica e finanziaria

Per trovare i finanziamenti a fondo perduto attualmente a disposizione più adatto alle proprie esigenze si otrà seguire una prima strada porta indubbiamente alle istituzioni comunitarie (Unione Europea – europa.eu) e a quelle statali (Governo – governo.it).

Molti finanziamenti a fondo perduto vengono erogati da parte delle Regioni su stanziamenti comunitari.

E’ utile in questo caso consultare

  • il sito internet della regione (es. regione.nomeregione.it)
  • il sito internet dell’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo dell’impresa (invitalia.it) 
  • il sito internet  della Camera di Commercio più vicino alla sede della propria impresa

No Commenti

Finanziamento Findomestic prestiti senza busta paga

È aumentata la richiesta di prestiti senza busta paga personali a garanzia del pagamento del finanziamento stesso.

La busta paga è la forma più immediata di verifica, di merito di un cliente di un Istituto di credito o finanziaria, sono dunque necessarie forme più flessibili di accesso al credito.

Esistono queste tipologie di prestiti, create proprio per soddisfare le esigenze di liquidità, di chi non può testimoniare con la propria busta paga o cedolino il proprio reddito.

prestiti senza busta paga

Gli importi dei prestiti senza busta paga, sono solitamente non elevati, non superano infatti la soglia dei 5.000 euro. 

Il web offre la possibilità di trovare finanziamenti concessi senza busta paga, accompagnati da calcolatori delle singole rate e della durata del finanziamento stesso. I siti da scegliere devono essere affidabili ed attendibili.

Una finanziaria, che offre prestiti senza busta paga è la Findomestic. Per questo istituto di credito occorrono garanzie supplementari, come un immobile, o altro. Il reddito dovrà essere dimostrabile, se ad esempio la richiesta viene effettuata da casalinghe, quindi tale prestito necessita comunque di una garanzia alternativa.

Per tali tipologia di prestito, Findomestic lo erogherà dopo l’analisi del modulo online, nel quale il potenziale cliente è tenuto a scrivere con precisione i dati personali e l’importo del finanziamento.

12 Commenti

Finanziamento per investimenti aziendali e professionali

Per le piccole imprese, ma anche per i liberi professionisti che vogliono stipulare un finanziamento per investimenti aziendali e professionali, che vogliono far leva su un prodotto realmente flessibile c’è “Scelgo Io“, la gamma di finanziamenti business ideata da Cariparma, Istituto di credito del Crédit Agricole.

I finanziamenti “Scelgo Io” di Cariparma, permettono al libero professionista o alla piccola e media impresa, in caso di necessità e di opportunità, di poter esercitare una tra due opzioni a scelta.

Una di queste opzioni permette di sospendere il pagamento della quota capitale del finanziamento “Scelgo Io” per una durata di 12 mesi. Oppure il soggetto contraente può all’occorrenza esercitare l’altra opzione consistente nella possibilità di andare ad aumentare oppure a ridurre la rata mensile da pagare fino a ben il 30%.

All’interno della gamma “Scelgo Io” dei finanziamenti di Cariparma si può scegliere tra

  • il “Finanziamento Scelgo Io Ipotecario”,
  • il “Finanziamento Scelgo Io Investimenti“,
  • il “Finanziamento Scelgo Io Liquidità”.

Con il “Finanziamento Scelgo Io Ipotecario” si possono acquistare terreni edi immobili con finanziabilità fino a ben 1 milione di euro, e piano di ammortamento che può anche arrivare a 20 anni con estensione fino a 30.

Con il “Finanziamento Scelgo Io Investimenti“, a formula chirografaria, si possono ottenere fino a 500 mila euro con piano di ammortamento fino a 7 anni estendibili fino a 12; il prestito è erogabile con finalità di sostegno agli investimenti, per l’acquisto di attrezzature, ma anche immobili e terreni.

Con il “Finanziamento Scelgo Io Liquidità” Cariparma sostiene invece la PMI per quel che riguarda l’elasticità di cassa ma anche per l’acquisto delle scorte a fronte di un importo massimo erogabile pari a 250 mila euro.

I fogli informativi dei Finanziamenti Scelgo Io sono visionabili e scaricabili dal sito Internet Cariparma.it

2 Commenti

Forme di Garanzia in un Finanziamento

Nell’articolo seguente vedremo in cosa consistono le diverse garanzie dei finanziamenti e soprattutto, le possibilità di salvaguardare il finanziamento effettuato da un creditore.

Garanzie Finanziamento

Queste forme di garanzia che possono essere utilizzate dal creditore come forme di garanzia sul Finanziamento vengono anche chiamate “garanzie convenzionali del credito”, che in gergo sono anche conosciute come modalità di tutela di rimborso del credito.

Queste forme di tutela del credito si raggruppano in due sottocategorie:

  • I primi tipi di garanzie ovvero le garanzie reali, sono garanzie che comprendono i beni posseduti da colui che riceve il finanziamento, come case, automobili, terreni e altre forme di proprietà. Le forme di garanzie possono essere rappresentate inoltre dal pignoramento di questi beni immobili o l’ipoteca di abitazioni;
  • Le garanzie personali sono quelle poste a carico di una persona a favore del credito di terzi, gli esempi più comuni in questo ambito sono le firme su mutui, le fidejussioni personali, fatti in un certo qual modo a garanzia del pagamento del debito.

No Commenti

Agevolazioni e detrazioni per chi compra e ristruttura casa: 2011 di convenienza

Per chi decide di acquistare la prima casa di proprietà o eseguire opere di ristrutturazione, sono in arrivo agevolazioni che variano in base si tratti:

  • di un acquisto da privato, e in questo caso si avrà un’imposta di registro al 3% sul valore catastale, imposte ipocatastali fisse (336 euro) sull’acquisto di abitazioni da persone fisiche;
  • di un acquisto da impresa, che avrà Iva al 4% sul prezzo d’acquisto e imposte di registro e ipocatastali fisse (504 euro) sull’acquisto di immobili di nuova costruzione e loro pertinenze.

Per sfruttare le agevolazioni bisogna acquistare un immobile destinato a prima casa di abitazione e l’acquirente deve avere, o prendere entro 18 mesi, la residenza nel comune dell’immobile. L’abitazione non va rivenduta prima di 5 anni.

La casa non deve essere di lusso e l’acquirente non deve essere titolare esclusivo di diritti di proprietà, usufrutto, uso e abitazione su un’altra abitazione nel comune.

L’acquisto della prima casa prevede agevolazioni sui mutui con una detrazione del 19% sugli interessi passivi pagati sui mutui per l’acquisto dell’abitazione principale; questa si applica su un importo massimo di 4 mila euro, pari a 760 euro all’anno.

Per l’immobile adibito ad abitazione principale, si parte dall’esenzione del pagamento di:

  • Ici: si fa riferimento agli immobili destinati ad abitazione principale del contribuente e le loro pertinenze. Esclusi gli immobili classificati nella categorie catastali A/1, A/8 e A/9, cioè abitazioni signorili, ville e castelli, per i quali si continua ad applicare l’aliquota agevolata per l’abitazione principale decisa dal comune e la relativa detrazione (minimo 103,29 euro annui).
  • Irpef, il reddito dell’immobile adibito ad abitazione principale dal contribuente o dai suoi familiari stretti viene si calcolato ma poi escluso dall’imponibile. Il proprietario che stipula un contratto a canone concordato beneficia, inoltre, di una deduzione forfetaria del 40,5%: le imposte si calcolano solo sul 59,5% del canone, invece che sull’85%. Prevista anche una riduzione del 30% dell’imposta di registrazione del contratto, che passa dal 2% all’1,4% del canone annuo.

Tali agevolazioni sono applicabili nei comuni ad alta tensione abitativa. Le novità, per chi sceglie di ristrutturare casa riguardano le detrazioni previste dall’ecobonus, approvato nella nuova Legge di Stabilità, che prevede una detrazione fiscale del 55%, sulle spese sostenute per lavori di:

  • riqualificazione energetica globale di edifici, con un limite di detrazione di 100mila euro; sostituzione finestre e coibentazioni di tetti e pareti (60mila euro);
  • pannelli solari (60mila  euro);
  • sostituzione di caldaie a condensazione, pompe di calore, e impianti geotermici a bassa entalpia (30mila euro).

La detrazione si sconta in 5 rate per le spese sostenute nel 2010 e in 10 per quelle del 2011; per ottenerla è necessario inviare via telematica la documentazione all’Enea entro 90 giorni dalla fine dei lavori.

Per i lavori che proseguono per più periodi d’imposta, la comunicazione alle Entrate deve avvenire entro il 31 marzo 2011.

Il nuovo disegno di legge di stabilità proroga la detrazione fino al 31 dicembre 2011.

2 Commenti

Creditopplà Sempre Light, Banca Popolare di Ancona

Il Creditopplà Sempre Light è un finanziamento personale, disponibile in ogni filiale della Banca Popolare di Ancona, caratterizzato da un tasso di interesse fisso concordato nel momento della stipula del contratto di finanziamento, che decrescerà man mano che verranno regolarmente pagate le rate del piano di ammortamento.

L’importo ottenibile attraverso questo finanziamento personale parte da 3 mila euro, per durate del piano di rimborso comprese tra un minimo di 36 mesi e un massimo di 120 mesi.

Il titolare del rapporto potrà scegliere anche di estinguere anticipatamente il debito residuo, alle condizioni stabilite dall’istituto di credito erogante.

Il tasso applicato al capitale erogato con il prestito Creditopplà è fisso per l’intera durata del contratto, e pari attualmente al 9,99%.

Ogni tre anni, a partire dal terzo anno e a patto che i pagamenti siano regolari, il tasso applicato subirà un decremento, fino alla naturale o anticipata scadenza del programma di ammortamento.

Tra le altre principali condizioni economiche di Creditopplà Sempre Light vi è la presenza di commissioni di istruttoria proporzionali al capitale mutuato, e pari a un punto percentuale con un minimo di 90 euro e un massimo di 250 euro, e l’assenza di spese per l’incasso della rata.

No Commenti

Findomestic crea il Finanziamento per Cerimonie

La tradizione di festeggiare battesimi, matrimoni, feste di lauree e altri anniversari con pranzi, cene e ricevimenti è sempre molto attuale, anche se richiede un investimento economico che non sempre è disponibile.

Per questo, il finanziamento Cerimonie di Findomestic, come suggerisce lo stesso nome del prodotto, è un prestito personale che consente al cliente della finanziaria di poter ottenere un credito per far fronte alle spese necessarie.

Il finanziamento Cerimonie di Findomestic prevede la concessione di un prestito in grado di concorrere alle suddette spese fino a un limite pari a 60 mila euro, da restituire in un massimo di 84 mesi.

Questo finanziamento, così come per quanto riguarda gli altri prestiti di Findomestic, è rivolto a tutti i cittadini con residenza in Italia, età compresa tra i 18 e i 75 anni, e la titolarità di un reddito dimostrabile.

L’erogazione può avvenire attraverso:

  • la disposizione di un bonifico bancario, 
  • la spedizione di un assegno a domicilio.

Il rimborso, può essere fatto a scelta attraverso:

  • pagamenti di bollettini postali,
  • addebiti automatici diretti sul conto corrente.

Sul sito internet di Findomestic è possibile effettuare dei preventivi e delle simulazioni sulle richieste di finanziamento.

Per queste ed ulteriori informazioni si rimanda al sito di Findomestic.

No Commenti

Succ. »