Finanziamento Pensionati

Pubblicato da

Il Finanziamento per Pensionati oggi è  molto più semplici da ottenere rispetto a qualche tempo fa, in quanto grazie ad alcune riforme legislative è possibile concedere a tutti i pensionati Inps ed Inpdap finanziamenti tramite cessione di un quinto della pensione.

Se prima, infatti, l’unica soluzione di credito disponibile, oltre al piccolo credito al consumo, era il prestito personale per pensionati, oggi invece, i Finanziamenti per Pensionati comprendono anche la “cessione del quinto della pensione”, cioè un finanziamento del tutto simile alla cessione del quinto dello stipendio, che prevede la trattenuta della rata del rimborso del finanziamento direttamente dalla pensione.

Quindi, i pensionati (INPDAP, INPS, IPOST, etc.) possono richiedere un finanziamento in cui il 20% massimo della pensione, 1/5, verrà trattenuto direttamente sul cedolino pensionistico, senza nessuna spesa aggiuntiva, dall’Ente che eroga la pensione e da questo versato alla società finanziaria per il rimborso del finanziamento secondo il piano di ammortamento stabilito con il cliente.

Utilizzando questa forma di credito, in pochi giorni è possibile ottenere il finanziamento richiesto fornendo a garanzia, la pensione. Gli importi del finanziamento possono arrivare anche a 50.000 euro, ed il cliente deve considerare che l’importo erogato dipende dalla pensione percepita e dalla capacità di rimborso che è legata anche all’età che ha al momento dell’accesso al finanziamento.

Oltre al Finanziamento per Pensionati tramite cessione di un quinto della pensione, concesso oggi da quasi tutti i principali istituti finanziari, il pensionato per avere un finanziamento può ricorrere ad un prestito personale.

Il prestito personale fa parte della categoria dei finanziamenti non finalizzati, cioè non legati all’acquisto di un bene stabilito, a tasso fisso, con ammortamento a rate costanti da rimborsare con cadenza mensile. Il rimborso delle rate avviene tramite addebito diretto sul conto corrente del richiedente oppure attraverso il pagamento con bollettino postale.

Spesso non vengono richieste garanzie specifiche, anche se nel caso in cui gli importi del finanziamento sono consistenti, in base anche alla capacità di reddito del richiedente, l’Istituto di Credito può richiedere l’indicazione di un garante.